La Vedova allegra in concerto

Un grandioso concerto con le piu' belle aree della Vedova allegra di Franz Lehar.

L'operetta, ambientata a Parigi, parla del tentativo dell'ambasciata Pontevedrina di far sposare la ricca vedova Hanna Glavari con il conte Danilo, sua antica fiamma. Nel frattempo si sviluppa il triangolo amoroso tra il Barone Mirko Zeta, sua moglie Valencienne e Camille de Rossillon.

Hanna Glavari è rimasta presto vedova del ricchissimo banchiere di corte del piccolo stato di Pontevedro; un suo matrimonio con uno straniero provocherebbe la fuoriuscita dei milioni di dote della signora e il collasso delle casse statali. La vedova è ora a Parigi e il sovrano di Pontevedro, preoccupatissimo, incarica il proprio ambasciatore a Parigi, barone Zeta, di trovarle un marito pontevedrino.

L'ambasciatore Zeta e il suo cancelliere Niegus, cercano un candidato e lo individuano nel conte Danilo Danilovich che in passato ha interrotto una storia d'amore con Hanna su pressione della famiglia, a causa delle umili origini di lei. Cogliendo l'occasione del compleanno del sovrano, il barone Zeta organizza una festa all'ambasciata, durante la quale, con Niegus, cerca di convincere Danilo a sposare la vedova. Hanna ama ancora Danilo, tuttavia non lo vuole dimostrare e anzi cerca di ingelosirlo.

Frattanto si intreccia la storia d'amore della moglie del barone Zeta, Valencienne, con il diplomatico francese Camille de Rossillon; durante un ballo in casa Glavari, i due si appartano nel padiglione; stanno quasi per essere scoperti dal barone Zeta, quando Niegus, meno sbadato di quel che sembra, riesce a far uscire per tempo Valencienne e a sostituirla con Hanna.

Quando Hanna esce dal padiglione con Rossillon, sembra chiara la scelta del futuro marito: un parigino... Tutto sembra compromesso; Danilo è furioso e lascia la festa; Zeta non capisce se la moglie lo ha tradito o no.

Ha luogo una nuova festa in casa Glavari con tema le atmosfere e i balli di Chez Maxim's; Danilo si consola bevendo champagne e con le famose ballerine grisettes; Hanna gli spiega però che è stato Niegus a effettuare lo scambio di persona nel padiglione per salvare Valencienne.

Dopo tante schermaglie e sofferenze, Danilo dichiara il proprio amore a Hanna, che annuncia il suo matrimonio con Danilo.

                                                       

                                                              Info direttamente in Teatro.

InTEATRO ITALIA    Via Bari, 18 - Roma   tel. 06 44.23.92.86

Clicca qui per acquista online il tuo biglietto e aggiudicarti

i posti migliori

P

Franz LeFranz Lehárhár

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

L'aquila tornerá a volare

Teatro: Genova, terremoto Aquila spiegato ai bambini

In scena al Carlo Felice una storia di coraggio e amicizia

GENOVA

(ANSA) - GENOVA, 14 FEB - Tentare di far comprendere la paura dei cittadini dell'Aquila durante il devastante terremoto dell'aprile 2009 a bambini che vivono a mille km di distanza non è impresa facile, ma la Compagnia italiana di teatro e danza di Roma ieri sera a Genova c'è riuscita, con una emozionante, breve pièce teatrale destinata ai bambini di Genova e messa in scena nell'auditorium del Teatro Carlo Felice. La favola, tratta dal libro 'Le fiabe per vincere la paura' di Elvezia Benini e Giancarlo Malombra narra la vicenda di tre giovani esploratori che vanno sul Gran Sasso con l'intento di veder volare l'aquila reale quando avviene un violento terremoto. I tre trovano a terra stremata l'aquila e, dopo averle portato cibo e acqua, decidono di sconfiggere la paura e di restarle accanto per farle coraggio. Al mattino, l'aquila non c'è più ma tornerà in volo per salutare i suoi nuovi coraggiosi amici. La piccola compagnia bene ha reso il breve racconto emozionante, che verrà portato in tournée nelle scuole. Bravissimi il capo esploratore Stefano Centore, trascinante con una forte e calibrata vis comica, Maria Cristina Gionta e uno spassoso Emiliano Ottaviani e bravissima Livia Ghizzoni che ha riprodotto il volo dell'aquila con una danza di grande potenza espressiva che meriterebbe ben altri palcoscenici.

***************************

Qualche momento del Ballo delle Camelie

***************************

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Sophrosyne:

Stato mentale positivo, caratterizzato da padronanza di se', moderazione e profonda conoscienza di se' stesso, che porta alla vera felicitá.
Sophrosyne era una delle eudaimonia, gli spiriti buoni usciti dal vaso di pandora.
Stampa Stampa | Mappa del sito
© Sophrosyne di Stefano Centore P.iva 11966521004 info@sophrosyne.it Le immagini riportate in questo sito sono di spettacoli a cui abbiamo apportato prestazione artistica e/o organizzazione di produzione.